corso di navigazione
corso di navigazione
Home » Blog » Corso di Navigazione

Dopo il corso base vela il passo successivo e quello di approfondire la conduzione pratica del proprio mezzo e come Scuola Nautica puntiamo nello sviluppare il concetto di navigazione. Prima di arrivare ai corsi Regata i nostri corsi puntano alla navigazione a vela come elemento propulsivo prevalente per raggiungere la meta prefissata. Ormeggio anche se previsto nel Corso Base viene approfondito quando ci rechiamo in nuovi luoghi. Capire come ricercare un luogo dove passare la notte in rada, al gavitello o all’ancora. Affrontare una navigazione che non sia solo diurna ma che preveda anche una navigazione notturna in zone dove incrociamo navi. Abituarsi a stare in barca per più giorni consecutivi senza scendere a terra. Solo la pratica permette di acquisire tale capacità.

Corsi d’altura

  • Corso base D’altura pratiche necessarie per recarsi in Croazia, presa gavitello, ormeggio in darsena con trappa, dare fondo in baia etc.. sono le basi per iniziare a navigare. Mensilmente cerchiamo di organizzare questo corso, se le attuali restrizioni lo permettono di andare in Croazia, un week end lo dedichiamo a veleggiare verso l’Istria altrimenti si navigherà verso Venezia. Venezia per la sua particolarità implicata le stesse problematiche delle città e la navigazione riflette le stesse problematiche solo che avviene in barca. Navigare a Venezia è un’ottima palestra di navigazione con traffico marittimo, stessi problemi di una citta per trovare un posto dove lasciare la barca.
  • Corso avanzato d’altura: se vogliamo aumentare il raggio di navigazione dobbiamo considerare la vela come mezzo di propulsione per raggiungere una meta. Programmare la navigazione anche notturna, fare un punto nave per calcolare la nostra posizione e valutare il tempo stimato d’arrivo. Calcolare la propria autonomia e organizzare la cambusa per il numero dell’equipaggio. Risolvere i problemi di gestione carburante, acqua, energia elettrica e immondizie che si produce li consideriamo più importanti che vincere una regata.